RINOPLASTICA

La rinoplastica è l’intervento chirurgico che permette di migliorare l’aspetto del naso al fine di renderlo più armonico con le caratteristiche proprie del viso, mediante la riduzione, l’aumento o il rimodellamento dello scheletro cartilagineo ed osseo.

Il grado di miglioramento varia da individuo a individuo ed è influenzato dall’anatomia di partenza, dalla presenza di deviazioni, dallo spessore della cute. Nella maggior parte dei casi il naso viene rimodellato completamente dall’interno e pertanto non residuano cicatrici esterne.

Candidati a questo intervento sono i pazienti che presentano rinocifosi, ossia una gobba sul dorso del naso, una punta troppo grande o caduta, un naso largo o troppo stretto accompagnato talvolta da un problema respiratorio.

Obiettivo della rinoplastica è rimuovere, quindi, l’eccesso di cartilagine dal dorso, rimodellare le piccole ossa e la punta senza alterare in alcun modo la naturalezza e le caratteristiche di partenza del volto, ripristinando se necessario la pervietà delle vie aeree.
L’atteggiamento microchirurgico anche in questo particolare contesto consente riduzione del traumatismo, del sanguinamento, dei fenomeni e del periodo postoperatorio nonché delle complicanze a breve e a lungo termine.

Vantaggi: eliminazione della gobba, riduzione e restringimento della punta, miglioramento della respirazione e complessivamente aspetto più armonico e meno severo del volto.
Tecnica: BAT – Bloodless Atraumatic Technique. Grazie all’utilizzo di una strategia chirurgica che limita al minimo il traumatismo dei tessuti si riduce drasticamente la perdita di sangue intraoperatoria – principale responsabile dei fenomeni postoperatori. Di conseguenza anche il dolore, il disagio dopo l’intervento e la necessità di riposo sono ridotti in modo rilevante rispetto alle tecniche tradizionali. Vengono ridotte anche le complicanze a breve e lungo termine.
Dolore: minimo o nessuna entità, controllato con i comuni antidolorifici, nella maggior parte dei casi non necessari.
Durata dell’intervento: 1 ora se completa.
Anestesia: locale con sedazione oppure generale in base al tipo di correzione necessaria.
Degenza: day hospital. Il paziente viene operato al mattino e dimesso dopo poche ore. La dimissione avviene dopo sei ore nel caso di anestesia generale.
Convalescenza: si possono creare gonfiori e qualche ecchimosi a carico delle palpebre che solitamente scompaiono in pochi giorni. Una piccola termoplastica sul dorso del naso per sette giorni rappresenta il solo presidio postoperatorio. Per circa venti giorni vanno evitate attività sportiva ed esposizione al calore (saune, bagni turchi, lettini solari ecc….).
Durata del risultato: permanente.

 

Da ricordare:
Il risultato definitivo di una rinoplastica, sebbene immediatamente percepibile nella sua essenza, necessita di alcuni mesi per considerarsi definitivo.
Grande attenzione viene posta alle caratteristiche del paziente in fase di valutazione pre-operatoria, al fine di non stravolgere ma rendere più armonico l’aspetto del volto.
Il dolore è assente o di modesta entità. Attualmente al termine dell’intervento vengono utilizzati piccoli tamponcini di gomma piuma assorbente nelle narici per stabilizzare i tessuti.